pubblicato il 4 ago, 2010

bannerweb

Ritorna la festa di Ferragosto a San Salvatore Telesino con la bella manifestazione organizzata dal parroco don Franco Pezone e dalle volontarie del Comitato dell’Assunta, che con grande spirito di cooperazione hanno lavorato alla terza edizione di Ferragosto Suona Bene. Il programma musicale non tradisce perché conserva lo stile delle passate edizioni con lo swing e il jazz in prima serata degli Interno 7 e dei Carosoni e la musica alternativa e rock con i Klandestyno e i Bisca. Il 14 e il 15 agosto a San Salvatore Telesino, due serate di festa popolare per far rivivere il paese trasformandolo in luogo d’incontro e di aggregazione. Non mancherà infatti la cena popolare, rituale appuntamento per tutti gli amici che si ritrovano in piazza a condividere un bicchiere di vino, buona musica e una fetta di melone!

14 agosto ore 21
INTERNO 7 – original swing made in Italy
Gli Interno 7 sono un gruppo pop-swing made in Italy, composto da bravi musicisti di grande esperienza: Alessandro Bonanno al pianoforte, Fabio Raspa alla fisarmonica, Valerio Serangeli al contrabbasso, Peppe Giampietro alla batteria, capitanati alla voce da Giovanni Gava, cantante solista, compositore e arrangiatore. Nascono come Hot Piano Trio nel 2001 con Alessandro Bonanno, pianoforte, Valerio Serangeli, contrabbasso e Peppe Giampietro, batteria; tutti jazzisti che avevano importanti collaborazioni con Nicola Arigliano, Renzo Arbore, Minni Minoprio.
Hot Piano trio diventa attivo stabilmente presso il Club romano Gusto e per alcuni anni ha proposto un repertorio d’epoca (Ragtime, Blues, Boogie Woogie, Honky Tonky…), che favoriva l’incontro con altri musicisti jazz che poi hanno preso parte al progetto. Nel 2007, infatti, si uniscono al gruppo Giovanni Gava, voce, e Fabio Raspa, fisarmonica, per dare vita al gruppo Interno 7 con il quale ripropongono in maniera singolare e divertente alcune tra le più belle canzoni italiane degli anni 50-60-70 e i classici internazionali: Nel blu dipinto di blu, I sing amore, Spaghetti a Detroit, La bomba, Buonasera signorina, Amorevole, The lady is tramp, Mack the Knife e tante altre, il tutto rivisitato con gusto pop-swing-italiano.

14 agosto ore 23
BISCA – miracoli tour
Napoli, novembre 1980: in una riunione a casa di Giancarlo Coretti si parla di formare un ‘gruppo’ quando, ad un tratto, tutti scappano: era il giorno del fatidico terremoto. Sergio Maglietta, Elio Manzo, Giancarlo Coretti, Amedeo Fogliano, Bruno Esposito di lì a poco daranno vita a Bisca. Per essere precisi all’inizio era Biska con la K per sottolineare il genere musicale di riferimento (Ska). Dopo pochi mesi la K mutò definitivamente in C e lo stile Bisca scelse di non essere mai più ‘Generico’…www.bisca.it

15 agosto ore 21
I CAROSONI – cult italian songs
Spiccano nel panorama italiano perché hanno saputo reinterpretare lo spirito giocoso e leggero del maestro, con sincerità artistica e una buona dose di autoironia. Già da subito, la band ha chiara in mente quell’idea che trova le radici negli anni ’50, nell’eredità incancellabile del padre della canzone jazzata, riprendendone i fili, le trame musicali ed espressive. In poco tempo I Carosoni diventano band di culto nei migliori locali romani, grazie alle numerose ed entusiasmanti esibizioni dal vivo, arricchite da ammiccanti dejavù sonori e invenzioni musicali graffianti e divertenti. Il talento dei sei musicisti, condito dalla consapevolezza di fare buona musica, si traduce in in uno spettacolo di grande energia e di emozione allo stato puro. “Che cos’è questa: musica o gioia di vivere?” “Tutte e due le cose.” – è stata la risposta del Maestro. I Carosoni: Alessandro Contini voce, Franco Santodonato tromba e flicorno, Luca Rizzo sax tenore e clarinetto, Primiano De Biase pianoforte, Massimiliano Pischedda contrabbasso, Francesco Bonofiglio batteria

15 agosto ore 21
Klandestyno – popular ballads
I KlanDestyno nascono nel 2007 come cover band dei Modena City Ramblers e Bandabardò, ma iniziano presto a scrivere e cantare canzoni originali. La forza del “Klan” viene fuori nei concerti perché si tratta di veri e propri mattatori del palco che riescono a ballare e cantare senza tregua con un’energia esasperata. Passano dal country al funky, dalla musica popolare alle ballads, il tutto in stile folk o combat-folk senza mai perdere la
I KlanDestyno: Dino Iuele chitarra, Fabio Rossini: chitarra, Luigi Marrone voce, Gino Angrisano batteria, Andrea Prastaro tastiera, Marco Carlone percussioni, Silvio Cordero basso.

comunicazione> Tabularasaeventi www.tabularasaeventi.net organizzazione> Comitato dell’Assunta

Leave a Reply